venerdì 16 marzo 2012

Venerdì del libro: la grammatica è una dolce canzone


La KeElle purtroppo legge sempre meno ma a scuola era alle prese con una classe difficile che non comprendeva perché la collega di italiano avesse il coraggio di assegnare libri da leggere in un istituto tecnico, così per incoraggiarli promise di leggere gli stessi testi a loro assegnati per poterne parlare e discutere insieme anche se l’ora di chimica non si addice propriamente alle discussioni letterarie.
E’ in questo modo strano che ha conosciuto “La grammatica è una dolce canzone”di Erik Orsenna, Salani Editore, per dovere di cronaca si deve dire che gli studenti non l’hanno amato particolarmente, la KeElle si. Immaginate un’isola in cui i nomi possono andare in un negozio e scegliersi l’aggettivo che trovano più piacevole in quel momento, e quando l’hanno trovato si dirigono in municipio per potersi coniugare; una fabbrica dove si possono scegliere gli indaffaratissimi verbi che poi con una pendola vengono collocati nel tempo; un ospedale dove vengono ricoverate le parole malate, così ho scoperto che la frase “ti amo” è molto affaticata, deve riposare perché troppo spesso viene usata inutilmente (alla fine ha ragione il Kepapà idraulico “meglio non usarla mai che c’è già chi ne abusa”). Se ai tempi delle scuole superiori non avete amato molto la grammatica, o forse soprattutto se l’avete amata questo è un testo che va letto.

L'iniziativa il venerdì del libro è del blog di homemademamma.

KeElle

14 commenti:

  1. Lo voglio! Per me naturalmente! Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, leggo e medito (parola di una insegnante che assegna molti libri in lettura all'istituto tecnico!)

    RispondiElimina
  3. Ma dai, che libro originale! Mi sa che davvero lo troveranno più bello e simpatico i grandi che non i ragazzi :-)

    RispondiElimina
  4. Simpatico! A me la grammatica non piaceva da studentessa, ma adesso mi piace.

    RispondiElimina
  5. Ciao! mi sa che non posso perdermelo :) Un bacio

    RispondiElimina
  6. io l'ho trovato originalissimo TANTO che, quando ho una classe di prima "media"...facciamo grammatica partendo da lì e anche ...teatro!
    Bellissima l'idea di condividere con l'ins di lettere ;-)))

    RispondiElimina
  7. @ MadreCreativa
    poi facci sapere se stai dalla parte degli studenti o delle Kemate (ma io, in realtà non ho dubbi!)

    @la povna
    ti prego non smettere di assegnare ai tuoi studenti... mai!

    @maris
    adesso dovrei buttarmi sui “Cavalieri del congiuntivo” sempre dello stesso autore poi vi faccio sapere

    @aliceland
    allora se adesso ti piace è il libro che fa per te!

    @jessica
    certo che non puoi perdertelo! Io però lo sto dicendo di troppi libri...il Kepapà idraulico sostiene che non teme di entrare con me in nessuna gioielleria sono le librerie che gli fanno paura!

    @Marica Bersan
    posso citare il tuo commento ai miei studenti e vedere che faccia fanno alle parole “utile e originale”?

    @Silvia Tocco di Lillà
    i tuoi studenti allora saranno molto più avanti dei miei ;)

    RispondiElimina
  8. Sembra molto carino, io non amavo molto la grammatica....mi sa proprio che lo leggo!!!

    RispondiElimina
  9. @creafamily e Monica
    Aspetto le vostre recensioni.

    RispondiElimina
  10. devo ammettere che mi hai incuriosita parecchio... mamma mia quanti libri di questo venerdì acquisterei subito... e questo è uno fra quelli

    RispondiElimina
  11. Carinissimo! Lo voglio... segnato in lista (tra i prossimi da acquistare)

    Baci baci

    RispondiElimina
  12. @mimangiolallergia
    a chi lo dici, ho una lista lunghissima di libri del venerdì

    @Paola
    anche te hai una lista lunga lunga?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...